Italiano English

Sardegna 2.0, il futuro del turismo è nella rete

16 gennaio 2012 | By

Nel corso di un recente convegno nel settore turistico è stato approfondito il rapporto fra il turismo e la Sardegna. Una regione che, indiscutibilmente, rappresenta la punta di diamante del settore a livello nazionale, soprattutto per quanto riguarda gli ambienti naturali (sia terrestri che marini), l’archeologia, la cultura, l’enogastronomia e il folklore.
La Sardegna, del resto, gode di splendide potenzialità che rappresentano trampolini di lancio unici per trasformare (davvero) il turismo nella prima “industria” della regione: ambienti naturali e paesaggi incantevoli; un’eccellente qualità dell’aria e dell’acqua; un’identità culturale forte e una gastronomia sopraffina. Peccato, però, che a queste potenzialità facciano da contraltare dei limiti piuttosto pesanti, su cui tutto il sistema –pubblico e privato- deve impegnarsi a lavorare per superarli. Per esempio tra gli operatori si avverte ancora molto la difficoltà a “fare rete”, a interloquire, a collaborare. E poi il sistema delle infrastrutture e dei trasporti è debole e per troppi versi impreparato a sostenere un’industria diffusa come quella turistica che, se ben organizzata, potrebbe addirittura concorrere ad abbattere –se non quasi annullare- i costi dei trasporti per i turisti. In questo quadro una compagnia aerea low cost è già una benedizione, ma ci sono i presupposti per abbracciare anche altri tipi di trasporto.
Ma come si viene fuori da questo nodo? Con il coraggio delle scelte, con la professionalità e la lungimiranza degli operatori turistici (compresi quelli specializzati nei trasporti), con quel cambio di mentalità in versione “2.0” che impone (per fortuna) il mercato globale.
ArchiMete, nel suo piccolo, sta percorrendo con costanza questa strada, con l’auspicio che sia d’esempio per altre realtà turistiche e imprenditoriali.

Buona natura a tutti, il nostro augurio più sincero

24 dicembre 2011 | By

Qui a Capo Caccia, in Sardegna, per certi versi è Natale ogni giorno: gli alberi non mancano e i doni sono splendidi e all’ordine del… secondo! Basta saperli riconoscere e apprezzare: i profumi e i colori della macchia mediterranea, l’aria pura che si mescola alla brezza marina, la limpidezza del mare, fino al volo silenzioso e discreto di un grifone, il cui avvistamento, da solo, vale un’intera vacanza in questo angolo di paradiso qual è la Riviera del Corallo.
Come vedete gli auguri che vi facciamo –e ci facciamo– sono molto semplici, ma al tempo stesso genuini e sinceri. Perché riguardano il bene più prezioso che abbiamo: la natura, l’ambiente in cui viviamo. Un bene che ciascuno di noi ha ricevuto in dono da altri, ed è proprio per questo che non c’è altro regalo più bello che custodire al meglio e lasciare il più possibile intatto questo patrimonio alle future generazioni.
Auguri e auspici da estendere anche a tutto il 2012: che sia l’anno in cui, ciascuno di noi, sappia recuperare un po’ di quel rapporto perduto con Madre Natura; ritrovare i ritmi di una vita a misura d’uomo; acquistare sempre più la consapevolezza che tutelare la natura, le risorse energetiche e naturali, è il modo più conveniente e migliore per garantire il futuro a sé stessi e agli altri.

E allora a tutti voi specialissimi auguri da tutto lo staff Archimete! E mi raccomando, restate in contatto con noi, perché il 2012 sarà ricchissimo di sorprese!

Capo Caccia, scrigno di endemismi botanici

10 dicembre 2011 | By

Il Parco naturale regionale di Porto Conte e l’Area Marina protetta di Capo Caccia e Isola Piana sono scrigni di biodiversità sia dal punto di vista floristico che faunistico. Inverni miti ed estati secche, condizioni climatiche tipiche della Sardegna, hanno favorito la diffusione di endemismi di enorme interesse naturalistico.

E tutto è alla portata di mano –anzi, di macchina fotografica!– di studiosi e appassionati di botanica e biologia.

Gli oltre cinquemila ettari di superficie del Parco regionale sono habitat naturale per straordinarie specie vegetali endemiche. In particolare in due aree di grande interesse, come Capo Caccia e Punta Giglio, dove la geomorfologia del territorio –prevalentemente carsico, con pochi centimetri di sedimento e terra tipicamente rossa– ha permesso il diffondersi di arbusti bassi ed erbe cespugliose: tra questi spiccano per importanza la Centaurea horrida (il fiordaliso spinoso, endemico della Sardegna settentrionale) e il Limonium nymphaeum, paleoendemismo noto come statice delle ninfe.


(altro…)

Debutto in fiera alla BLT3 di Sassari

1 dicembre 2011 | By

I parchi naturali sia terrestri che marini sono una risorsa fondamentale per tutte le imprese che operano nel turismo.

Un vero valore aggiunto per chi, come ArchiMete, propone offerte turistiche con le quali vivere la natura più vera e incontaminata. È anche per rafforzare questo messaggio che ArchiMete fa capolino nel grande mare delle fiere turistiche: il primo trampolino di lancio è la 3^ Borsa Locale del Turismo (BLT3) in programma a Sassari il 2 dicembre. Un momento di incontro e confronto tra operatori turistici della Sardegna e tour operator specializzati nel settore delle vacanze dinamiche.

Il comparto turistico è uno, se non addirittura il principale, canale di sviluppo economico dell’intero Paese. Sono i fatti a confermarlo, non certo noi: l’Italia è culla di civiltà, è prima al mondo per ricchezza di patrimonio storico, culturale e archeologico; e ha anche una tradizione culinaria sopraffina che di certo rappresenta un altro elemento trainante del turismo.

Peccato, però, che ancora si stenti a scommettere su tutto questo.
Ma qualcosa sta cambiando: sempre più giovani stanno riscoprendo il desiderio di mettersi in gioco nel proprio territorio di origine, sfruttando nella maniera più attenta e sostenibile luoghi incantevoli, mettendo a frutto anni di studio e titoli di specializzazione.

Perché oggi non è più sufficiente dire al turista “Vieni, sdraiati in spiaggia e fa il bagno nel mare turchese”.

C’è anche questo, ma non basta.

È necessario studiare e proporre un’offerta complessiva che, in pochi giorni, abbracci un ventaglio di proposte: subacquea, snorkeling, trekking a piedi o a cavallo, osservazione naturalistica, visite a siti archeologici, escursioni alla scoperta di angoli inaccessibili del territorio.

 Lo chiede il mercato, soprattutto quello dei turisti del centro e nord Europa. Ecco da dove riparte l’industria turistica italiana.

E il nord ovest Sardegna deve essere pronto a giocare un ruolo da protagonista.

(altro…)

Archimete S.r.l. - P.Iva 02449430905 - Copyright © 2012 Archimete. All right reserved. - Terms & Conditions - Privacy - Credits

comunicazione e contenuti a cura di:

Kontagio

www.kontagio.eu
ideazione e progettazione grafica di:

Alessio Tavoletti

email: alessio.grafico@alice.it
sviluppo tecnico e ingegnerizzazione:

Simone Volpini

www.simonevolpini.info